Chatbot Messanger (Mini-case study)

chatbot messanger

Il Chatbot che ho creato e che stai vedendo qui è stato creato tempo fa per un mio progetto personale, anche se in realtà avevo già avuto a che fare con questa tecnologia, infatti avevo avuto a che fare nella creazione di un bot come assistente alla vendita di videocorsi dal valore di ben 600€ minimo e massimo 1500€ ne parlo qui.

illustrazione del caso di studio

Il chatbot è stato creato con la nota piattaforma Manychat ed era collegato ad una Facebook ADS di raccolta delle Lead.

Riassumendo il processo semplicemente:

1 Step

La persona interagiva con l’ADS

2 step

All’ADS rispondeva il Bot, chiedendo all’utente se fosse interessato a continuare nel processo di acquisizione dati.

3 Step

Se interessati prima gli si faceva leggere all’utente la privacy policy e poi si chiedevano i dati necessari all’acquisizione della lead.

4 step

Con Zapier passavo i dati al mio servizio di Email-Marketing che faceva partire un automazione email che mirava a far conoscere il gruppo alla quale li iscrivevo, e sul lungo termine puntavo a far acquistare una consulenza.

Ultimo step

Guidavo l’utente verso l’iscrizione al gruppo, dopodiché gli chiedevo se volevano essere ricontattati in futuro (fondamentale per poter ricontattare l’utente dopo le 24 ore)

Ricapitolando

Praticamente grazie al Chatbot collegato alle Facebook ADS

  • Ho fatto iscrivere i miei utenti ad una community che aveva l’obbiettivo di creare unione attorno al marchio
  • Ho fatto iscrivere gli utenti al mio sistema di Email Marketing incitando nel tempo (gli utenti) ad acquistare da me grazie ad una serie di email ad hoc.

Landing page

Ma perché non ho creato una landing page o una bridge page che mimasse tutto ciò?

In realtà questa landing page già era presente ed era la seguente

Tuttavia ho voluto avviare una sorta di mini-A/B test (dalla dubbia statisticità significativa 😂) e grazie a questo Chatbot sono riuscito ad abbattere significativamente il costo per lead.

I contatti avevano tutti una qualità piuttosto simile rispetto a quelli acquisiti con la landing page in quanto i tassi di apertura delle email non variava significativamente.

Perché “i tassi di apertura delle email?” perché era la KPI che pensavo fosse più funzionale per quel momento, allora non aveva senso utilizzare come KPI i preventivi effettuati.

Che ne dici di condividere l'articolo? ❤

Facebook
LinkedIn
Riccardo Visioli

Riccardo Visioli

Un Digital Marketer che da uno schiaffo alla cultura dello specialismo (usando la scusa della multipotenzialità)

Altro

Prendiamoci Un Tè

Facciamo Una Chiaccherata, Che Sia Virtuale O Dal Vivo, Chissà Che Non Sia Il Miglior Tè Che Tu Possa Prendere!

Foto di Riccardo Visioli digital marketer.